I migliori tools per fare SEO online

Fare SEO è un lavoro da professionista, ed ogni SEO esperto e che sappia fare bene il proprio lavoro non opera solamente manualmente, ma ha sempre a disposizione una più o meno estesa cassetta degli attrezzi che servono non solo a potenziare il suo lavoro ma anche a ridurre la possibilità di errori. I tools per esperti SEO sono pensati per un’operazione di monitoraggio e controllo dei siti su larga scala, per evitare dimenticanze, imperfezioni ed errori. 

Grazie ad apposite applicazioni e strumenti messi a disposizione nel web, è possibile ottimizzare il proprio lavoro ed anche il proprio sito web. 

  • Google Keyword Planner. Si tratta di un tool gratuito predisposto da Google: è un valido aiuto soprattutto per capire su quali parole chiave puntare per il posizionamento del proprio sito, tenendo conto anche della concorrenza, della lingua, del luogo dove ci si trova.
    Molto utile il fatto che questo strumento permetta di capire quali sono le parole di tendenza.
    Si tratta di un tool che può essere usato da chiunque abbia un account Google Adwords. 
  • SEMRush. Altro sofisticato strumento che torna molto utile per la ricerca delle parole chiave e per l’analisi della concorrenza. 
  • Majestic SEO: Si tratta di un tool pensato soprattutto per l’analisi dei backlink che, come si sa, devono essere costantemente tenuti sotto controllo per aumentare la popolarità del sito.
    Fra tutti gli strumenti questo è uno di quelli più efficienti, permette di avere una totale panoramica dei backlink. 
  • Bing Webmaster Tool. Si tratta di uno strumento di verifica di link utile per studiare link interni ed esterni al tuo sito. 
  • Ahrefs Site Explorer. Si tratta di un tool che permette di avere tutte le informazioni sui backlink del sito, semplicemente inserendo l’url. E’ indubbiamente lo strumento idelae per tenere sott’occhio la link building (acquisizione backlinks)  dei vostri siti o dei siti dei vostri competitors.
    Informazioni, diciamo, davvero importanti: come per esempio l’url, il title della pagina di origine, l’anchor text e tanto altro.
    Questo software è gratuito solo per i cinque primi backlink, dopo di che richiede la versione a pagamento con la creazione di un account. 
  • Per il controllo e l’analisi del vostro sito web, uno strumento che può tornarvi davvero utile è Screaming Frog. Si tratta di un tool che permette di analizzare i punti deboli del proprio sito, come link nofollow, tag errati, title duplicati. Questo strumento è a pagamento ma è davvero necessario, se si fa SEO ad un certo livello. 
  • Google Analytics. Altro tool di Google di fondamentale importanza per monitorare l’andamento del proprio sito web, le statistiche di visita, che tipo di utenti vedono il sito.
    Per chi fa web marketing non è certo un’opzione, bensì uno strumento davvero indispensabile. 
  • Google Pagespeed. Si tratta di un tool che permette di conoscere, come si desume dal nome, la velocità del sito web. Sappiamo bene che la velocità di caricamento delle pagine è un fattore necessario per il posizionamento di un certo sito all’interno di un motore di ricerca, e per la soddisfazione del cliente: ecco perché vale la pena scoprire se e quanto si può migliorare. 

Write your comment Here